Palazzo Thiene

Nel 1542 Marcantonio Thiene decide di ampliare la dimora di famiglia, edificata da Lorenzo da Bologna del 1489, all’angolo fra Contrà Porti e stradella.
La nuova fabbrica dovrà svilupparsi in forma di quadrilatero ed occupare un intero isolato. A stipulare il contratto è Andrea Palladio che disegna per Marcantonio una residenza in cui le ambizioni del committente siano pienamente soddisfatte. Nell’arco di poco più di quindici anni, due delle quattro ali sono edificate, compresa la facciata austera e massiccia, e gli armonici loggiati sul cortile al quale interno sono già al lavoro gli affrescatori e i decoratori. Per le sale essi elaborano un sontuoso apparato decorativo, che rimanda al clima instaurato a Mantova da Giulio Romano il quale, giunto a Vicenza per un sopralluogo, riesce ad influenzare l’idea della già splendida dimora pensata dal Palladio.
Con la morte nel 1560 di Marcantonio Thiene quella che dovrebbe essere stata a tutti gli effetti una reggia, rimane incompiuta, ma non per questo meno valida e considerevole. Il palazzo oggi è sede storica della Banca Popolare di Vicenza che lo acquistò nel 1872 ed è incluso nella lista dei monumenti patrimonio dell’Unesco. Nel 1999 è stato insignito del Premio Europa Nostra per il miglior restauro e adattamento ai fini moderni.
Grazie proprio al restauro, gli esterni palladiani di Palazzo Thiene oggi si mostrano in tutta la loro autenticità. La facciata su contrà San Gaetano Thiene, in cui si apre l’atrio con volte a crociera sostenute da pilastri e colonne presenta due piani.
Quello inferiore è caratterizzato da un bugnato rustico in pietra e mattoni intonacati, mentre il superiore, a bugnato leggero, è ritmato da paraste di ordine corinzio e da finestre a tabernacolo, con un piccolo frontone alternativamente centinato e triangolare che corona due colonne di ordine ionico.
Dall’atrio concepito come un vasto vestibolo si accede al cortile circondato da logge di pilastri di ordine rustico e nel secondo di ordine composito, estremamente contrastanti.

GALLERIA FOTOGRAFICA

;

I commenti sono chiusi