0
(0)
A cura di Stefania Melito

Introduzione

Di Mocogia – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=47546851

Lauro (in verde più scuro sulla cartina), piccolo paese della provincia di Avellino che dista circa 40 km dal capoluogo, è situato al centro del cosiddetto Vallo di Lauro, una valle incassata al di sotto delle cime dei monti Cresta e Pizzo D’Alvano (entrambi sui mille metri) che per la sua posizione strategica ha costituito da sempre un luogo di conquista per le varie dinastie che si sono susseguite nei secoli, dai Normanni fino ad arrivare agli Orsini, ai Del Balzo e ai Pandola. In tempi recenti Lauro viene ricordata per essere la città natale di Umberto Nobile, generale dell’Aeronautica famoso per la sfortunata esplorazione nel 1928 del polo Nord sul dirigibile “Italia”, da cui venne tratto il film “La tenda rossa” del 1969 diretto da Mikheil Kalatozishvili.

Fig. 2: il dirigibile Italia https://www.osservatorioartico.it/la-storia-del-dirigibile-italia/

Villa Pandola Sanfelice

Villa Pandola Sanfelice si trova appunto nel comune di di Lauro, ed è situata sulle antiche mura a ridosso del Castello Lancellotti. Originariamente era di proprietà dell’Ordine del Beneficio di S. Maddalena, e fu acquistata dalla famiglia Pandola nel 1753, favorevole all’unificazione d’Italia e al Risorgimento; la dimora rimase della famiglia fino al matrimonio nel 1966 dell’ultima discendente di casa Pandola, Emilia, quando essa passò ai Sanfelice,di tradizione filoborbonica. La casa rispecchia questa pluralità di visioni, in quanto in essa sono contenuti sia cimeli militari che rimandano ai moti risorgimentali, sia arredi che rispecchiano un gusto più tradizionale e filomonarchico. Tutta la storia della famiglia è contenuta in un libro, “Emilia e i suoi: una famiglia del sud dentro il Risorgimento”, scritto dall’ultima discendente di casa Pandola, l’irlandese Emilia appunto, nata Higgins e trasferitasi a Napoli nei primi dell’Ottocento.

Fig. 1: villa Pandola Sanfelice, l’esterno https://www.dimorestoricheitaliane.it/dimora/villa-pandola-sanfelice/

Villa Pandola Sanfelice: la casa

L’ingresso è preceduto da un viale dall’andamento sinuoso, fiancheggiato da aranci, limoni, numerosi arbusti floreali quali rose e gelsomini, palme di diversi tipi e alberi centenari, immerso in uno splendido scenario naturalistico digradante in una piccola altura boscosa. L’ingresso è costituito da una grande stanza che fa da collegamento e contemporaneamente divisione a due saloni, l’uno detto “degli Specchi”, l’altro “delle Battaglie”, dal soggetto dei quadri presenti, a cui segue una piccola cappella. Sia la hall che i saloni sono impreziositi dagli arredi originali d’epoca, ma soprattutto dai pavimenti di maioliche napoletane originali del XIX secolo.

Dal piano terra, attraverso uno scalone di marmo, si giunge al primo piano o piano nobile, dove sulla sinistra si può ammirare la cosiddetta “Sala della musica”, il cui pavimento è tutto di maioliche sui toni del terra bruciata a disegni geometrici: domina la stanza, immersa in una calda luce beige grazie alla tappezzeria di seta a colori neutri, un pianoforte della prima metà dell’ ‘800 cosiddetto “Gran Concerto”, su cui sono esposti dei violini.

Fig. 2: la sala della musica https://www.turismo.it/cultura/articolo/art/campania-alla-scoperta-di-villa-pandola-sanfelice-id-19030/

Successivamente, in una disposizione ad infilata, si trova il “salotto verde”, dal colore predominante degli arredi, impreziosito da un camino di marmo bianco scolpito di foggia semplice ma elegante. Alle pareti, quadri a carattere naturalistico raffiguranti uno la foce del Garigliano (fiume che segna il confine fra Campania e Lazio), l’altro Torre Astura (torretta fortificata laziale). Il pavimento è di cotto, che contrasta piacevolmente con la tappezzeria bianca.

Fig. 3: sala verde
https://www.dimorestoricheitaliane.it/dimora/villa-pandola-sanfelice/

Degna di nota è la camera da letto principale, detta “dell’Ammiraglio” in quanto sul letto campeggia un quadro raffigurante una battaglia: arredi originali dell’epoca e un letto sormontato da un baldacchino completano l’insieme; tutti i mobili sono originali, in stile Impero.

Fig. 4: camera da letto https://www.dimorestoricheitaliane.it/dimora/villa-pandola-sanfelice/

La Villa contiene, ed occasionalmente espone, cimeli, antiche uniformi militari, documenti e corrispondenze, abiti di corte e testimonianze delle simpatie filoborboniche della famiglia Sanfelice, che contrastano piacevolmente con gli arredi di gusto risorgimentale, come ad esempio i quadri di noti liberali dell’Ottocento, come Carlo Poerio, appesi alle pareti.

Tutta la struttura è insomma pervasa dal fascino multiforme della Storia, che un attento restauro a cura delle attuali proprietarie ha saputo conservare pressoché intatto.

 

SITOGRAFIA

www.osservatorioartico.it

http://dimorestoricheitaliane.it/vacanze-location/villa-pandola-sanfelice/

http://www.irpinia.info/sito/towns/lauro/villapandolasfelice.htm

http://www.nobili-napoletani.it/sanfelice.htm

http://www.ottopagine.it/av/agenda/74047/lauro-tutto-pronto-per-la-pubblicazione-di-agora.shtml

Quanto ti è piaciuto l'articolo?

Fai clic su una stella per votarla!

Media dei voti: 0 / 5. Totale: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.